6 MARZO, TEST ATTITUDINALI CANI DA SOCCORSO

fotoe2TEST ATTITUDINALI PER CANI DA SOCCORSO PER RICERCA SU MACERIA E SUPERFICIE.

Accenni alla gestione del carattere e dei comportamenti del PT

Questo articolo ci servirà come introduzione generale ad una serie di articoli che seguiranno legati all'addestramento ed alla gestione del Pastore Tedesco, dai primi giorni in cui arriva nella nostra casa fino all'addestramento. Il cucciolo già da quando lo si ritira dall'allevamento (fase post-svezzamento) ha bisogno di socializzare verso altri cani e animali, persone; parimenti si rende opportuno condurlo in luoghi o porlo in contesti situazionali dove abbia modo di ampliare il proprio bagaglio di esperienza in stimoli e sensazioni (parchi cittadini, strade e quartieri trafficati, ecc). Non è un cane per principianti sebbene la duttilità ad ambientarsi ad una determinata condizione di vita sia compatibile in funzione dell'attaccamento verso il proprio riferimento umano. Proprio per questa ragione il pastore tedesco è un cane col quale convivere e condividere esperienze e situazioni. Non a caso i primi selezionatori della razza vollero concepire l'allevamento del pastore tedesco affinché si consolidasse nel genotipo una certa attitudine all'impiego ausiliario verso le attività umane. Il cucciolo, una volta giunto nella famiglia (umana) di adozione, deve sentirsi perfettamente integrato avendo ben chiaro quale ruolo e posizione gerarchica rivestire. Cedimenti in tal senso, gap gestionali e qualsivoglia mancanza da parte dei riferimenti umani, alle volte possono determinare delle anomalie comportamentali alle quali dover porre rimedio in tempi brevi e nel modo più consono possibile facendo riferimento alle competenze specialistiche on-site o presso le opportune sedi (tutor addestrativo, campi di addestramento, ecc, ecc). Gli accadimenti in tal senso possono essere svariati, a partire dall'atteggiamento prevaricatore del cucciolone di 6-8 mesi nei confronti dei componenti della famiglia più timorosi (donne e bambini), mordicchiamento ludico, ma insistente all'estremità corporee esposte della persona (mani e caviglie), allo stesso modo eccessiva espansività verso amici e invitati della casa, ecc, ecc, - per contro - si possono annoverare piccoli atti di coercizione nei confronti del cucciolo determinati da buffetti reiterati su collo e testa impiegando giornali arrotolati o piccoli oggetti di pari consistenza, sgrollamenti energici alla pelliccia per distoglierlo dallo sporcare in casa, ecc, ecc, - ovvero, approcci errati i cui esiti possono solo renderlo sottomesso e timoroso. In definitiva, il pastore tedesco deve essere educato secondo le consuetudini e le necessità del "branco umano" d'adozione, comprendere che ad un comando vocale si deve adeguare da subito nel comportamento avendo compreso la richiesta. Allo stesso modo deve essere in grado di recepire le differenze fra un "cucciolo d'uomo" e l'adulto quindi rapportarsi (alle volte fin troppo pazientemente!) di conseguenza. La gestione del suo carattere, rapportata al contesto familiare d'appartenenza, deve armonizzarsi sinergicamente con la sua indole affinché le doti psichiche del pastore tedesco possano evincersi al meglio.

Origini e Storia del Pastore Tedesco

Il Pastore tedesco è una razza canina di origine tedesca (come dice il nome). Il pastore tedesco viene anche chiamato pastore alsaziano, in quanto, nella Francia e nell'Inghilterra della prima guerra mondiale, ogni nome che ricordasse i popoli nemici veniva cambiato; così si diffuse l'uso di definire la razza Pastore alsaziano. Questo uso si è in parte mantenuto fino ai giorni nostri per definire per lo più i soggetti di grande taglia e a pelo lungo . La sua dote principale è quella della versatilità di impiego. Oggi viene raramente utilizzato come conduttore di gregge, mentre è molto diffuso nei servizi di Protezione civile come cane da valanga, e da ricerca di persone disperse, sia in superficie che in macerie; è diffuso come cane da guida per ciechi  ed è diffusamente impiegato dalle Forze di Polizia di tutto il mondo come cane antidroga e antisommossa. Tutto questo oltre ad essere un eccellente cane da compagnia, oltre che da guardia della proprietà e da difesa personale. Il Pastore tedesco è anche una razza molto utilizzata nell'ambito cinematografico. In Italia la razza è ben allevata ormai da diversi decenni. La più importante manifestazione cinotecnica al mondo di questa razza è la "Siegerschau" che si svolge annualmente in Germania, alla quale partecipano centinaia di soggetti, tra i più rappresentativi del mondo. Attualmente dagli allevatori tedeschi viene fatta una dura selezione che adotta come criteri la funzionalità e il carattere. Il selezionatore della razza fu il Cap. di Cavalleria Friedrich Emil Max Von Stephanitz, alla fine del XIX secolo. Il suo scopo era quello di ottenere una razza da lavoro, robusta e ben addestrabile, utilizzando vari ceppi locali di cani da pastore presenti in diverse regioni della Germania. Le due tipologie principali sulle quali si basò il Cap. Von Stephanitz furono: il pastore del Baden-Württemberg, regione confinante con l'Alsazia, un cane robusto, di taglia medio-grande e di pelo lungo di colore nero-focato, ed il pastore della Turingia, di taglia leggermente inferiore, più scattante ma anche maggiormente aggressivo, con pelo corto di colore grigio. Ripetuti incroci e selezioni di queste ed altre varietà portarono entro la fine del XIX secolo alla stabilizzazione della nuova razza, e alla fondazione, nel 1899, del primo club di razza, lo Deutsche Schäferhunde Verein (S.V.). Il primo standard venne pubblicato nel 1901.

Risultati Trofeo S. Gambino

Come consuetudine il Trofeo è stato assegnato alla sezione SAS di Siracusa!!! Di seguito elenchiamo i risultati del Trofeo con i singoli punteggi per sezione e classifica Classe Esordienti Sez. B C Totale Cane Raul Conduttore Cancemi 88 92 185 1° Class. Cane Baaz Conduttore Calvo 83 84 167 2° Class. Cane Dokata Conduttore Alessi 82 84 166 3° Class. Cane Apollo Conduttore Morana 87 78 165 4° Class. Cane Alice Conduttore Maltese 70 94 164 5° Class. IPO 1 Sez. A B C Tot Class. Cane Sagus v.s.Morve Cond. Barca 80 71 70 221 1° Suff. Cane Galine Baume Cond. Grasso 70 72 70 212 2° Suff. IPO 2 Sez. A B C Tot Class. Cane Vito Decima Mas Cond. Giacobbe 79 92 96 267 1°B. Cane Orson Oroval Cond. Pasquariello 70 88 87 245 2°B. Cane Charlie Cond. Iannace 75 83 74 232 3°Suff. Cane Ally v.Apachegold Cond. Corvaia 77 70 75 222 4°Suff. Cane Lovery Lion Cond. Giusino 70 72 71 213 5°Suff. IPO 3 Sez. A B C Tot Class. Cane Don v.d.Liszt Cond. Corvaia 98 95 78 271 1°M.B. Cane Arak Cond. Calabrese 92 80 92 264 2°B. Cane Blitzi v.P.K. Cond. Romano 89 85 87 261 3°B. Cane Gandi Baume Cond. Grasso 96 73 70 239 4°Suff. Un saluto a tutti da Valerio.

Pastore Tedesco (SAS):Prova di Selezione

copertina-selez2009 Il 5 Dicembre si svolgerà a Siracusa, presso il Centro Cinofilo Aretuseo, la prova di selezione SAS. La suddetta selezione, in calendario il 19 Dicembre, è stata anticipata al 5 Dicembre per motivi amministrativi della sede centrale.

prova di protezione civile

Titolo: prova di protezione civile
Luogo: siracusa
Descrizione: prova operativa per cani da ricerca su macerie e superfice
Ora inizio: 7:00
Data: 2009-11-15
Ora fine: 17:00

TROFEO “S. Gambino”

locandina-trofeo-gambino-webLa manifestazione consiste in una gara di addestramento di per cani da utilità su regolamento ENCI, IPO.
 

La squadra, formata da almeno tre concorrenti appartenenti alla stessa sezione SAS delle tre regioni: Sicilia, Calabria, Puglia, che totalizzerà il maggior punteggio nelle tre sezioni previste dal regolamento ENCI: A pista, B obbedienza, C difesa, si  aggiudica il trofeo.